TESSERE FIASP 2019
26 Novembre 2018

NUOVI PERCORSI 2019

Per la 4° edizione della Marcia “La Galliotta”  in programma domenica 21 luglio 2019 sono stati disegnati tre nuovi percorsi

 

Questo cambiamento è dovuto principalmente al disagio causato dal maltempo che nel mese di ottobre 2018 ha devastato i nostri boschi abbattendo più di 300mila alberi. La forza distruttiva del vento che è arrivata oltre 190km/h e la pioggia hanno fatto cadere questi alberi anche su sentieri strade e retaggi di guerra impedendo il transito di mezzi e persone. Sono già cominciati i lavori di disboscamento e messa in sicurezza del territorio. Non sappiamo esattamente i tempi di bonifica e sicuramente quelle zone non sono acessibili con la presenza degli addetti ai lavori.

       

 

I NUOVI PERCORSI RESTANO A SUD DI GALLIO tra i monti Sisemol e Valbella con meravigliosi panorami a 360° sulla conca del nostro Altopiano e sulla Val Frenzela. I percorsi toccano anche Stoccareddo di Gallio e le contrade dei Ronchi Davanti oltre a zone tipiche come il Santuario della madonna del Buso e la Valle dei Mulini.

       

 

DESCRIZIONE DEI TRE PERCORSI PRINCIPALI

 

Il percorso breve da 5km segue la strada comunale che scende dolcemente verso la Valle dei Ronchi e attraversa l’omonima contrada per poi risalire un suggestivo percorso verso la COVOLA  ammirando la ZONA DEI MULINI. La Valle, che accusa una geologia tutta particolare è una delle poche sorgenti attive dell’Altopiano. Prende il nome dalla presenza  di una serie di mulini ad acqua e di opifici, che hanno fatto nel passato della valle stessa il primo insediamento proto industriale già nel Medioevo.

 

L’acqua della sorgente venne debitamente incanalata  allo scopo di far girare contemporaneamente ben otto ruote per macinare frumento e orzo e per frantumare la corteccia degli abeti bianchi (in cimbro “tanna”) onde ottenere il “tannino”, che veniva impiegato nella concia delle pelli.

 

Il percorso di media distanza da 10km risale lungo la strada comunale il monte Sisemol  ( PERCH ) per ammirare dalla sommità un meraviglioso panorama a 360° sui comuni dell’Altopiano a ovest e sul M.Valbella a sud. Scendiamo poi verso Laben e raggiungiamo, lungo una strada forestale, Casara Stenfele dalla quale si nota verso nord l’avvallamento della Stuba che divite il M. Ongara a sinistra dalle Melette di Gallio a destra e poi giù verso la Bertigatal e la Valle dei Ronchi.

     

Da qui percorriamo lo stesso tratto finale del percorso breve ammirando la ZONA DEI MULINI fino all’arrivo.

 

Il percorso lungo da 18km rispecchia nella fase iniziale quello da 10km e deviando alla contrada Laben si passa davanti a Malga Ronco di Carbon per salire sul M. Valbella mt. 1314. Raggiunta la cima possiamo trovare un area sacra, con cippo, altare e croce a ricordo dei bersaglieri caduti su queste montagne.

     

Scendiamo ora verso sud tra prati e pascoli sulla vecchia pista da sci con il bosco che alterna faggi ed abeti per raggiungere la strada sterrata che lascia Casara Melaghetto sulla sinistra e arriviamo al particolare monumento fatto a piramide in onore del Capitano Eugenio Nicolai che qui perse la vita durante la Prima Battaglia dei “Tre Monti”. Continuiamo il nostro percorso su sentiero fino alla Contrada Zaibena dove imboccheremo la strada comunale per raggiungere Stoccaredo e successivamente dopo qualche chilometro  il fondo valle con il Santuario della Madonna del Buso tanto caro alla gente di Gallio.

   

Risaliamo poi la Val Frenzela lungo la carreggiabile fatta nella seconda metà del 1300 fino alla Contrada Ronchi e percorriamo l’ultimo tratto di sentiero verso la Zona dei Mulini come descritto per i percorsi minori.

 

VI ASPETTIAMO !!